Mohammad: il profugo mantenuto per anni che decapitava i Cristiani “infedeli”

Mohammad: il profugo mantenuto per anni che decapitava i Cristiani “infedeli”

Condividi la notizia sui social
loading…


Mohammad: il profugo mantenuto per anni che decapitava i Cristiani “infedeli”

Quando vi faranno vedere la ‘solita foto’, pensate a Mohammad Emwazi. Arrivò bambino in Inghilterra. Con la sua famiglia di profughi in fuga dalle persecuzioni. Ricevette alloggio gratuito, per molti anni. Scuola, sanità e tutto quello che invece i suoi coetanei inglesi dovevano pagare.

 

loading…



Poté frequentare la St. Mary Magdalene Church of England Primary School, una scuola cristiana

Quel bambino è poi cresciuto. E si fece chiamare Jihadi John. Boia islamico di ‘infedeli’

 

loading…


Navigando sul sito "TG Quotidiano" acconsenti all'utilizzo dei cookie Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

loading...