Senegalese minaccia infermieri: “Dovete curarmi prima degli italiani!” - poi massacra agenti

Senegalese minaccia infermieri: “Dovete curarmi prima degli italiani!” – poi massacra agenti

Condividi la notizia sui social
loading…


Paura all’ospedale Valduce: senegalese minaccia medici e infermieri

Due agenti, intervenuti sul posto, sono finiti in ospedale a causa delle botte ricevute dal giovane.

Nella prima serata di ieri, 22 settembre 2018, grande paura all’ospedale Valduce di Como. Un 20enne senegalese ha infatti minacciato medici e infermieri, per poi far finire al pronto soccorso anche due agenti intervenuti sul posto.

Paura all’ospedale Valduce: senegalese minaccia medici e infermieri

Il giovane ha dato in escandescenza perché, a suo parere, medici e infermieri non avevano curato in maniera tempestiva la sua ferita al palmo della mano destra. A.C., alla vista degli agenti e alle loro richieste di fornire documenti utili alla sua identificazione, gli ha rivolto epiteti offensivi. Prima ha inveito nei loro confronti poi ha preso a pugni gli operatori di Polizia che, solo a fatica, e dopo l’intervento di un altro equipaggio, sono riusciti a bloccarlo. Diverse volte ha sputato verso gli agenti saliva mista a sangue.

loading…


All’ospedale anche gli agenti

Il 20enne è stato quindi tratto in arresto e i due agenti hanno riportato traumi policontusivi rispettivamente con prognosi di giorni 15 e giorni 10. E’ stato poi accompagnato alle locali camere di sicurezza per essere sottoposto a processo per direttissima all’udienza del 24 settembre 2018. Lo straniero, durante la permanenza in camera di sicurezza, tentando di aprire con la forza la porta in ferro ne ha danneggiato i cardini e pertanto sarà deferito anche per il reato di danneggiamento aggravato.

loading…


Navigando sul sito "TG Quotidiano" acconsenti all'utilizzo dei cookie Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

loading...